Info Pratiche

Visite: 7181

 

COME ARRIVARE:  L’arcipelago delle Azzorre è collegato all’Italia dalla compagnia di bandiera portoghese TAP PORTUGAL che offre collegamenti giornalieri da Roma, Milano, Venezia, Torino e Bologna via Lisbona e Oporto.Da Lisbona e da Oporto opera anche la compagnia portoghese SATA.  La frequenza dei collegamenti varia a seconda della stagione. Visistare i siti delle compagnie in internet. 

GEOGRAFIA: Politicamente le Azzorre appartengono al Portogallo e quindi alla Comunità Europea. Il territorio portoghese è inserito nell’area di circolazione della moneta unica europea (Euro) e nella zona Schengen (non sono previsti controlli di frontiera). Per l’imbarco e per le procedure di sicurezza è sempre e comunque indispensabile presentare un valido documento di riconoscimento come il passaporto o la carta di identità.

LINGUA: La lingua ufficiale è il portoghese seppur caratterizzato da tipiche inflessioni.

 

FUSO ORARIO: Due ore in meno rispetto all’Italia.

 

ELETTRICITà: Corrente alternata a 220 volts.

 

CLIMA: Seppur favorite dalla corrente del golfo, le Azzorre sono soggette ad un clima mite ma normalmente molto variabile. Non è tanto raro sperimentare le quattro stagioni in una sola giornata quindi siate pronti a variazioni improvvise del clima soprattutto durante i trekking. E’ possibile nuotare praticamente durante tutto l’anno in quanto la temperatura del mare raramente scende sotto i 15 gradi in inverno per arrivare anche ai 23 gradi in estate. 
Il periodo migliore per visitare le Azzorre è quello compreso tra maggio e settembre quando le ortensie sono in fiore, le balene e i delfini nuotano liberamente tra le onde e la temperatura consente di stendersi al sole senza mai superari i 23 gradi.

 

ABBIGLIAMENTO: Nel periodo estivo bastano indumenti leggeri e qualche golfino per la sera. L’abbigliamento più pesante è necessario solo per chi prevede passeggiate 

 

 

MUOVERSI TRA LE ISOLE

 

AEREO: E’ in assoluto il mezzo di trasporto più opportuno per muoversi tra le isole dell’arcipelago. Il tempo di volo tra le isole del gruppo occidentale e quelle del gruppo centrale è di circa un’ora. Un’altra ora è necessaria per raggiungere Flores e Corvo dalle isole del gruppo centrale. Tutte le isole dispongono di un proprio aeroporto. I collegamenti aerei sono assicurati dalla compagnia aerea SATA.

 

TRAGHETTO: Le isole del gruppo centrale sono collegate via mare da un servizio di battelli e aliscafi. In particolare le isole di Faial, Pico e Sao Jorge dispongono di collegamenti eccellenti. Santa Maria può essere raggiunta da Ponta Delgada.

 

NOLEGGIO: Il modo migliore per godersi una vacanza  è affittare una vettura, una moto anche una bicicletta e andare alla scoperta degli angoli più nascosti. La rete viaria è in buone condizioni nelle isole principali con strade asfaltata o in pavè. Su tutte le isole viene sono presenti compagnie di autonoleggio. È valida la patente italiana. 

 

 

COSA FARE:

 

TURISMO BALNEARE: La temperatura del mare raramente scende al di sotto dei 23° e l’acqua è cristallina praticamente ovunque. Nonostante ciò l’arcipelago non può essere considerato una meta prettamente balneare soprattutto per il turismo balneare. Santa Maria è l’isola più adatta a chi cerca il mare ed il sole; le altre isole dispongono di poche spiagge di sabbia scura la maggior parte delle quali si concentrano sull’isola di Sao Miguel e sull’isola di Terceira.VACANZE NATURA:la natura è la vera protagonista delle Azzorre. Gli antichi crateri sono occupati da laghi cristallini dai mille colori oppure offrono panorami suggestivi con strapiombi coperti da una folta vegetazione. Cascate, fiumi e laghi sono presenti praticamente ovunque.

 

TREKKING: L’intero arcipelago può essere considerato come un vero paradiso per gli appassionati di questa specialità. I sentieri sono segnati ed attrezzati in modo eccellente. Non bisogna essere necessariamente dei camminatori allenati per potersi permettere di scoprire vere meraviglie della natura in quanto sono disponibili passeggiate con vario grado di difficoltà. Il più arduo è sicuramente quello che sale fino alla cima del monte di Pico, la montagna più alta del Portogallo.

 

AVVISTAMENTO CETACEI: L’area delle Azzorre è uno dei migliori habitat naturali del mondo per tutti i cetacei. I delfini sono sempre presenti in questa zona e si avvicinano all’uomo con grande curiosità. Anche alcune specie di balene sono stanziali, ma da marzo a settembre la popolazione è particolarmente numerosa per la presenza di specie migratorie. Non è neanche raro avvistare orche. In tutte le isole sono presenti aziende specializzate il whale watching, attività in mare aperto che consente ai turisti di avvicinarsi agli animale in totale sicurezza.

 

PESCA DA FERMO E DA ALTURA: Gli amanti della pesca d’altura troveranno Sao Miguel e Terceira particolarmente attrezzate.

 

DIVING: Fondali oceanici meravigliosi adatti ai sub più esperti. I centri diving sono numerosi in tutte le isole gli amanti della pesca troveranno Sao Miguel e Terceira particolarmente attrezzate

 

LINK UTILI

 

http://www.visitazores.com/pt/ – sito ufficiale dell’ente del turismo
http://it.wikipedia.org/wiki/Azzorre – informazioni generali sull’arcipelago
http://trilhos.visitazores.com/pt-pt – un must per gli amanti del trekking
http://www.visitportugal.com/ – sito ufficiale dell’ente del turismo portoghese
http://www.atlanticoline.pt/p/p/ – compagnia di navigazione
http://www.transmacor.pt/ – compagnia di navigazione

 

 

Tags: bed and breakfast Azzorre isola di Santa Maria Alloggiamento camere l'apelago delle Azzorre